Personale e Contatti
 


Responsabile
Giovanni Lamura
g.lamura@inrca.it
tel. 071 8004797
   
Personale  
Cristina Gagliardi
c.gagliardi@inrca.it
Tel. 071 8003344
   
Maria Gabriella Melchiorre
g.melchiorre@inrca.it
tel. 071 8004887
   
Roberta Papa
r.papa@inrca.it
tel. 071 8004787
   
Andrea Principi
a.principi@inrca.it
tel. 071 8004786
   
Sara Santini
s.santini2@inrca.it
tel.071 8004605
   
Francesco Barbabella
f.barbabella@inrca.it
tel. 071 8004799
   
Alessia Carsughi
a.carsughi@inrca.it
tel. +39 3331006008
   
Georgia Casanova
g.casanova@inrca.it
tel.+39 3470836007
   
Flavia Piccinini
f.piccinini@inrca.it
tel.071 8004615
   
Sabrina Quattrini
s.quattrini@inrca.it
tel.071 8004775
   
Marco Socci
m.socci@inrca.it
tel.071 8004799
   
   

 

  Trova
 
  Progetti
  Pubblicazioni
  Ricercatori
 
   

Centro Studi e Ricerche Economico-Sociali per l'invecchiamento  print this page

L’INRCA è l’unico, tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) finanziati dal Ministero della Salute, a svolgere un’attività di ricerca integrata e multidisciplinare in materia di invecchiamento e cura della popolazione anziana, adottando diverse prospettive: socio-economica, clinico-assistenziale e biologica.

Al suo interno, il Centro Studi e Ricerche Economico-Sociali per l’Invecchiamento (CRESI) conduce studi a prevalente carattere interdisciplinare, con l’obiettivo di approfondire la conoscenza del fenomeno dell’invecchiamento da un punto di vista demografico, sociale, economico e politico, ad integrazione della ricerca clinico-geriatrica tradizionale e in una prospettiva traslazionale. Tale attività di ricerca, in gran parte finanziata attraverso fondi dell’Unione Europea ma anche di committenti pubblici e privati italiani e stranieri, è diffusa tramite pubblicazioni scientifiche, consulenze e attività di divulgazione di vario tipo (seminari, conferenze etc.).

Tematiche trattate

Negli ultimi anni i ricercatori afferenti al CRESI sono stati coinvolti a vari livelli - da quello locale a quello internazionale - nello studio empirico e teorico delle seguenti tematiche: assistenza continuativa (long-term care) all’anziano non autosufficiente; supporto ai familiari caregiver (che assistono cioè parenti non autosufficienti); prevenzione di abusi e maltrattamenti in età anziana; ruolo degli immigrati nell’assistenza all’anziano; invecchiamento attivo nelle sue varie dimensioni, tra cui mercato del lavoro (tramite il sostegno ai lavoratori maturi), società civile (tramite il sostegno al volontariato in età anziana e la prevenzione delle discriminazioni basate sull’età), e altre forme di partecipazione sociale come attività formative, ricreative e culturali, etc.; uso delle nuove tecnologie a sostegno della cura e qualità della vita dell’anziano e di chi lo assiste, sviluppo dell’agricoltura sociale in favore degli anziani. 

Principali Progetti di Ricerca per area tematica

Assistenza continuativa all’anziano (Long-Term Care, LTC): quest’area tematica mira ad analizzare le varie sfaccettature dell’assistenza all’anziano non autosufficiente, con particolare attenzione agli aspetti socio-economici degli interventi in tale ambito:

  • Network europeo per la qualità ed efficienza dei costi dell’assistenza continuativa agli anziani e la prevenzione della dipendenza (2016-2018): questo progetto mira ad individuare le strategie politiche più efficaci nel ridurre il bisogno di assistenza degli anziani fragili e migliorare qualità ed efficienza del sistema di cure a sostegno degli utenti e dei loro caregivers. Tale obiettivo è perseguito attraverso l’analisi delle principali esperienze esistenti nell’Unione Europea, e la presentazione dei risultati in formato “policy-friendly”, in 5 aree tematiche: trend di disabilità; riduzione della dipendenza; caregiver informali; tecnologia e nuovi modelli di cure; integrazione e coordinamento. Cliccare qui per il sito inglese
     

  • ICARE4EU - Innovating care for people with multiple chronic conditions in Europe (2013-16): questo studio, finanziato dall’Unione Europea, ha mirato a mappare i programmi di cura integrati esistenti in 30 paesi europei. Ciò al fine di migliorare l’assistenza ai cittadini adulti e anziani affetti da pluripatologie croniche, utilizzando e valorizzando gli aspetti di successo dei modelli più efficaci ed efficienti (good practices) per la cura dei malati cronici in Europa (sito in inglese e brochure in italiano);
     

  • AIDA - Advancing Integration for a Dignified Ageing. Fostering the integration of social and health services in LTC (2012-13): progetto finanziato dall’Unione Europea, il cui principale obiettivo era rafforzare l’integrazione sociosanitaria dei servizi rivolti agli anziani fragili e secondariamente analizzare le possibilità di estendere ad altri contesti europei il sistema SINA (Sistema Informativo sulla Non Autosufficienza), già sperimentato in 12 regioni italiane. Il progetto ha dato vita a due documenti: l’”Album delle buone prassi di integrazione sociosanitaria in Europa” e le “Linee guida sociosanitarie”, entrambi disponibili al sito del progetto in più lingue;
     
  • EURHOMAP - Mapping professional home care in Europe (2007-10): finanziata dall´Unione Europea, questa ricerca ha condotto una mappatura dell'assistenza domiciliare professionale in 30 paesi europei, raccogliendo informazioni su organizzazione e offerta, costo e finanziamento, categorie di utenti e relativi bisogni, politiche e trends (sintesi in inglese).

Supporto ai familiari caregiver (vedi sotto anche la sezione sulle nuove tecnologie): quest’area tematica si focalizza sulle esigenze dei famigliari impegnati nella cura informale di un anziano non autosufficiente e sui servizi di supporto loro dedicati:

  • Gestione dell'incontinenza urinaria in pazienti anziani (2015): indagine di tipo qualitativo che ha approfondito i bisogni e le aspettative degli anziani con incontinenza e dei loro caregiver, e le criticità a livello sistemico (rapporto finale). Nel 2016 è stato inoltre svolto un ulteriore studio quantitativo, sempre finanziato da SCA, per rilevare appropriatezza ed efficacia del processo di distribuzione degli ausili assorbenti e il suo impatto sulla qualità di vita dei caregiver familiari (rapporto quantitativo finale);
  • Quality of life in caregivers of dependent people affected by incontinence in Europe (2010-11): studio condotto per EUROCARERS (la federazione europea delle organizzazioni che sostengono i caregiver informali) sulla qualità della vita dei familiari che assistono persone anziane affette da incontinenza in quattro paesi europei (rapporto comparato finale);
  • Carers@work (2010-11): progetto finanziato dalla Fondazione Volkswagen, volto ad individuare - in 4 Paesi europei tra cui l’Italia - le migliori strategie per sostenere i lavoratori che cercano di conciliare il proprio impegno professionale con l'attività di assistenza informale a un familiare anziano non autosufficiente (dettagli in inglese);
  • EUROFAMCARE (2003-07): uno dei più estesi ed approfonditi progetti di ricerca finanziati dall’Unione Europea in materia di servizi di supporto ai caregiver familiari di anziani non autosufficienti (articolo in inglese).

Prevenzione di abusi su persone anziane: scopo di quest’area è l’analisi del fenomeno dei maltrattamenti e delle negligenze a danno di persone anziane nelle loro varie forme, al fine di individuare le migliori strategie per prevenirli:

  • TAM TAM- Servizio per la segnalazione telefonica di episodi di abuso e maltrattamento su anziani: su iniziativa e finanziamento dell’INRCA il servizio ha raccolto dal 2010 le segnalazioni di abuso a danno di persone anziane, fornendo un supporto specialistico per individuare le più idonee modalità di intervento (cliccare qui per maggiori informazioni);
  • Ri-Generiamoci (2012-13): tale ricerca-azione, auto-finanziata dall’INRCA, ha promosso la solidarietà intergenerazionale nel settore della cura, quale elemento essenziale per prevenire il fenomeno degli abusi sugli anziani, coinvolgendo studenti di terza media, che hanno interagito con anziani in strutture protette e centri diurni del Comune di Ancona, sostenuti dai volontari dell’AVULSS e dell’AUSER (sintesi e report finale);
  • ABUEL (2008-10): studio condotto per conto dell’Unione Europea sulla prevalenza del fenomeno dell’abuso contro persone anziane nelle sue varie forme (psicologico, fisico, sessuale, finanziario e da abbandono) condotto in sette realtà urbane di altrettanti Paesi, tra cui la città di Ancona per l’Italia (report italianoreport inglese).

Invecchiamento attivo: questo ambito approfondisce la conoscenza di come favorire il benessere e la buona salute nel corso dell’invecchiamento, esaminando diverse aree tematiche, come quelle del lavoro in età matura, del volontariato e della longevità attiva in ambito rurale:

  • Be the Change (2016-2018): è un progetto finanziato dall’Unione Europea (Programma Erasmus+), condotto da un consorzio internazionale coordinato dall’INRCA, che si rivolge ad imprenditori maturi (con più di 50 anni) ed a giovani disoccupati che sono fuori dai circuiti formali della formazione (i cosiddetti NEETs). Esso ha l’obiettivo di produrre delle Linee Guida Europee per la validazione di competenze acquisite in ambiti formativi non-formali. A tal fine verrà ideato e sperimentato un pacchetto formativo per imprenditori over 50 e ragazzi basato sui metodi dell’apprendimento intergenerazionale. Le competenze acquisite durante i corsi saranno misurate per valutare l’efficacia degli stessi (Rapporto internazionale sulla condizione di imprenditori anziani e NEETS inn Italia, Germania, Ungheria, Slovenia e Malta) clicca qui per sito in inglese ;
  • Senior Social Entrepreneuring (2016-2018): il progetto è finanziato dall’Unione Europea (Programma Erasmus+) e condotto in sei Paesi (coordinato dal Comune di Aarhus, Danimarca), poggia sui concetti di innovazione sociale e imprenditoria sociale. Lo scopo principale è di orientare e sviluppare le capacità delle persone mature affinché possano creare, come mediatori, nuove azioni coordinate tra diversi stakeholders per rispondere ai bisogni sociali individuati nella comunità locale;
  • EWL - Extending Working Lives (2014-17): questo progetto, coordinato dall’Università di Westminster, finanziato da ESRC (Economic and Social Research Council) e svolto in partnership con organizzazioni europee, statunitensi e australiane, è focalizzato sull’estensione della vita lavorativa e le implicazioni di ciò per il mercato occupazionale, la transizione al pensionamento e la salute e il benessere degli individui (clicca qui per maggiori informazioni in inglese);
  • Longevità attiva in ambito rurale (2014-16): finanziato dalla Regione Marche con il coordinamento scientifico dell’INRCA, questo progetto ha attivamente coinvolto diverse aziende agricole della Regione e ha previsto l’ideazione e realizzazione di servizi di promozione della qualità della vita rivolti ad anziani autosufficienti da realizzarsi in un contesto rurale (vedi articolo di approfondimento);
  • MOPACTMObilising the Potential of ACTive ageing in Europe (2013-17): attraverso questo ampio progetto, finanziato dall’Unione Europea, è stata condotta un’analisi delle principali sfide sanitarie, sociali, economiche e tecnologiche legate all’invecchiamento della popolazione, onde individuare le politiche ed iniziative più innovative ed efficaci per promuovere un invecchiamento attivo (maggiori informazioni in inglese);
  • My Mind: the effects of cognitive training for elderly (2012-16): l’obiettivo del progetto, finanziato dal Ministero della Salute, è lo studio dell’efficacia del training cognitivo in un gruppo di persone anziane, sia cognitivamente sane, sia affette da Mild Cognitive Impairment (MCI) e da demenza di Alzheimer. A tal fine, è stata inoltre analizzata la relazione tra gli aspetti psicologici, biochimici, nutrizionali e sociali al fine di identificare il coinvolgimento di questi fattori nello stato cognitivo (sintesi e presentazioni);
  • ASPA Activating Senior Potential in an Ageing Europe (2008-11): questo studio è stato condotto in otto Paesi europei con il fine di identificare le migliori strategie per stimolare la massima partecipazione economica e sociale della popolazione matura e anziana, sia nel mercato del lavoro che in attività non retribuite (come il volontariato) (maggiori informazioni in inglese);
  • Employment Initiatives for an Ageing Workforce (2005-07): attraverso uno studio di buone prassi aziendali nei 27 Paesi membri dell’UE, il progetto ha prodotto una banca dati consultabile on-line di iniziative aziendali atte a favorire il miglioramento delle condizioni di lavoro in età matura. L’INRCA ha curato le attività per l’Italia e Malta (banca dati e rapporti nazionali).

Uso di nuove tecnologie a sostegno dell’anziano e di chi lo assiste: quest’area si dedica alla conoscenza dei benefici che le nuove tecnologie possono apportare in età anziana, con particolare riferimento ai servizi di supporto offerti via internet ai famigliari di anziani non autosufficienti:

  • A4C - Apps for Carers (2016-2018): principale obiettivo del progetto finanziato dall’Unione Europea (Erasmus+) e a cui partecipano 5 paesi, è lo sviluppo di una “libreria” delle principali applicazioni e siti web in versione mobile disponibili sul mercato che offrono risorse e servizi a supporto di famigliari caregivers. La “libreria” includerà al suo interno materiale didattico specifico per ciascuna delle applicazioni selezionate che ne faciliti l’utilizzo, e sarà organizzata secondo filtri e categorie che consentano agli utenti di selezionare le risorse più appropriate alle proprie esigenze (cliccare qui per il sito in inglese);
  • INNOVAGE- Social Innovations Promoting Active and Healthy Ageing (2012-15): l’INRCA ha contribuito all‘implementazione di una piattaforma web multilingue di servizi basati su internet, oggi accessibile su InformCare, a sostegno di caregiver informali di persone anziane, in collaborazione con Eurocarers (la federazione europea delle organizzazioni che sostengono i caregiver informali);
  • CARICT-PUBL (2012-2014): questo progetto ha sviluppato un inventario di 63 iniziative on-line promosse in Europa (e alcune anche in USA) a supporto di caregiver informali di persone anziane non autosufficienti. La rassegna è stata ottenuta integrando i risultati del precedente progetto CARICT (condotto nel biennio 2010-2011), la ricerca nel web di più recenti esperienze e infine attraverso contatti diretti con studiosi e stakeholders internazionali. 

Altre iniziative

Il CRESI  ha svolto un ruolo attivo nella stesura delle linee guida per la ricerca sull’invecchiamento a livello europeo (Road Map for Future Ageing Research), emanate dall’Unione Europea nel 2011. Ha inoltre ideato e coordinato l’organizzazione della prima edizione dell’International Summer School on Ageing (ISSA), istituita nel 2012 dall’INRCA in collaborazione con le Università della British Columbia (Canada) e di Lund (Svezia). Nell’ottobre 2013 ha inoltre organizzato una Conferenza Internazionale sull'Active Ageing, che ha approfondito diverse tematiche inerenti l’Invecchiamento Attivo, grazie al contributo di relatori di primo piano a livello internazionale del calibro del Prof. Alan Walker (Università di Sheffield) e del Prof. Karl Pillemer (Cornell University). La consultazione degli interventi è tutt’ora possibile (presentazioni).

 Selezione delle pubblicazioni più recenti in lingua italiana del CRESI

(per una sintesi di quelle in lingua inglese consultare il sito di centro in lingua inglese dove si trovano anche i link ai CV dei singoli ricercatori con le rispettive pubblicazioni)

Barbabella F., Chiatti C., Di Rosa M. (2015). La bussola di NNA 2015: lo stato dell'arte basato sui dati. In Network Non Autosufficienza (NNA) (Ed.), L'assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia. 5° Rapporto, pp. 15-32. Santarcangelo di Romagna: Maggioli (scaricabile dal sito: www.maggioli.it/rna/2015/pdf/V-rapporto-assistenza_anziani.pdf).

Barbabella F., Chiatti C., Di Rosa M., Lattanzio F., Banchero A. (2014). Il sistema ospedaliero italiano e la presa in carico degli anziani non autosufficienti. In Brizioli E., Trabucchi M. (Eds.), Il cittadino non autosufficiente e l’ospedale, pp. 45-69. Santarcangelo di Romagna: Maggioli. (scaricabile dal sito www.maggioli.it/rna/brizioli-trabucchi/pdf/91607973_BRIZIOLI_TRABUCCHI.pdf).

Barbabella F., Chiatti C., Principi A., Lamura G. (2011). Volontariato in età matura: opportunità, barriere e best practices per il coinvolgimento degli Anziani, European Papers on the new welfare, 16. (scaricabile dal sito http://www.newwelfare.org/2011/03/04/volontariato-in-eta-matura-opportunita-barriere-e-best-practices-per-il-coinvolgimento-degli-anziani/).

Carsughi A., Santini S., Gagliardi C., Lamura G. (2015). La gestione dell’incontinenza urinaria in pazienti anziani: uno studio preliminare nel contesto marchigiano. Ancona, INRCA (scaricabile dal sito: https://www.inrca.it/inrca/files/PAGINE/RICERCA/DOCUMENTI/Carsughi%20et%20al_Studio%20qual%20incontinenza%20Marche_FINALE.pdf).

Casanova G., Socci M. (2014). Politiche di co-housing e innovazione sociale. Welfare Oggi, 3: 63-67.

Casanova G., Lillini R. (2011). I servizi domiciliari quale contrasto alla deprivazione familiare: e se diminuisce la capacità di risposta dei servizi? Servizi Sociali Oggi, 2.

Di Rosa M., Greco C., Melchiorre MG. (2013). L’assistenza a domicilio. In: Senin U., Bartorelli L., Salvioli G. (eds.). I grandi vecchi: curare ancora, pp. 215-225, Roma: Carocci Faber Editore ISBN: 9788874666799.

Di Rosa M., Melchiorre MG., Quattrini S., Lamura G. (2015). “Il maltrattamento delle persone anziane in Europa e in Italia: i risultati dello studio ABUEL”, presentazione (26 maggio) nell’ambito del Workshop Prevenire l’abuso verso gli anziani, Caregiver day 2015, Giornate dedicate al caregiver familiare, Carpi (Modena), 8-30 Maggio (scaricabile dal sito http://www.caregiverday.it/wp-content/uploads/Di_Rosa_IT.pdf).

Gagliardi C., Santini S. (2015). La longevità attiva in ambito rurale: la sperimentazione nelle Marche. In: Lamura G., Socci M. (a cura di). Invecchiamento e rapporti intergenerazionali tra solidarietà e conflitto. Prisma, 3: 121-135.

Gagliardi C. (2013). Il Terzo Settore: definizione, quantificazione e principali aree di ricerca. Menti Attive. La ricerca in Riabilitazione nelle Marche, 1: 63-75.

Giuli C., Papa R., Lattanzio F., Postacchini D. (2013). Demenza, stato funzionale e malnutrizione nell’anziano. Giornale di Gerontologia, 61: 93-97.

Giuli C., Papa R., Lattanzio F., Abbatecola A. M., Postacchini D. (2013). La palestra della memoria: l’efficacia di un intervento di training cognitivo per anziani cognitivamente sani. Giornale di Gerontologia, 61: 157-160.

Lamura G., Socci M. (a cura di), (2015). Invecchiamento e rapporti intergenerazionali tra solidarietà e conflitto, numero monografico di Prisma. Milano: FrancoAngeli.

Melchiorre MG., Quattrini S., Papa R., Barbabella F., Zanetti E., Lamura  G. (2015). Assistenza per le persone con  malattie croniche multiple in Italia: politiche e pratiche. Country Factsheet Italia per il progetto ICARE4EU, (scaricabile dal sito http://www.icare4eu.org/pdf/Country_Factsheet_Italy_ICARE4EU_italian.pdf).

Melchiorre MG., Di Rosa M., Lamura G., Quattrini S., Chiatti C., Greco C.,  Soares JJF. (2012). Il maltrattamento delle persone anziane in Italia: alcuni risultati dallo studio Abuel. Prospettive Sociali e Sanitarie, 3: 16-19.

Quattrini S., Melchiorre MG., Barbabella F., Papa R., Lamura  G., per conto dei partners di ICARE4EU (2016). Assistenza per le persone con malattie croniche multiple in Italia: politiche e pratiche. Prospettive Sociali e Sanitarie, 3.3: 17-25.

Renzi M., Gagliardi C., Lamura G. (2014). Valore aggiunto dell’agricoltura sociale in termini di longevità attiva: un’analisi della letteratura. Giornale di Gerontologia, 62: 513-517.

Santini S., Tombolesi V. (2015a). Solidarietà intergenerazionale e invecchiamento attivo: l’esperienza del progetto “Ri-Generiamoci”. In: Lamura G., Socci M. (a cura di). Invecchiamento e rapporti intergenerazionali tra solidarietà e conflitto. Prisma, 3: 91-108.

Santini, S., Tombolesi, V., Socci, M. e Gagliardi, C. (2015b). Invecchiamento attivo e solidarietà tra le generazioni nelle Marche. In Bochi, V. (a cura di), Invecchiamento attivo e solidarietà tra generazioni nelle Marche. L’esperienza delle reti di volontariato nel progetto Marche_ Active@Net, CSV Marche, Ancona, pp. 9-19. (scaricabile dal sito: http://www.csv.marche.it/web/images/stories/csv/progettazione/Marche_activenet/Invecchiamento_attivo_e_solidariet%C3%A0_tra_generazioni_nelle_Marche_-_pubblicazione_finale_ActiveNet.pdf).

Santini S., Tombolesi V., Greco C., Lamura G. (2014). “Ri-Generiamoci”: risultati di un progetto di promozione della solidarietà intergenerazionale. Ancona, INRCA (scaricabile dal sito: https://www.inrca.it/inrca/files/inevidenza/Ri-Generiamoci-report%20finalem.pdf).

Socci M., Principi A. (2015a), Le politiche e le pratiche per promuovere la partecipazione dei lavoratori anziani nel mercato del lavoro italiano tra luci e ombre. Giornale di Gerontologia, LXIII (4, Supp. 2): 33-34.

Socci M. (2015b). Giovani e anziani nel mercato del lavoro tra solidarietà e conflitto. Prisma, Milano: FrancoAngeli, pp. 54-71.

Tesauro T., Santini S. (2016). L’attivazione psico-relazionale di anziani in residenza attraverso pratiche di auto-narrazione e programmi intergenerazionali in due regioni italiane: i casi Memory e Ri-generiamoci. Autonomie Locali Servizi Sociali, n. 2.