L' Istituto
Direzione Generale
Direzione Scientifica
Consiglio Indirizzo e Verifica  
Collegio Sindacale  
Direzione Sanitaria
Direzione Amministrativa
Dipartimenti
  Personale e Contatti
   
 
     
  Direttore
Bruno Mazzei
b.mazzei@inrca.it
Tel 0984 682004
Fax 0984 75496

 

POR COSENZA
DIPARTIMENTO GERIATRICO RIABILITATIVO AD INDIRIZZO CARDIOVASCOLARE

Il Dipartimento rappresenta un modello organizzativo in cui le varie strutture complesse e semplici, in esso aggregate, mediante l’erogazione di specifiche prestazioni ed in base alle previsioni del Piano Strategico Aziendale, concorrono al conseguimento degli obiettivi di salute, secondo le indicazioni del Piano Sanitario Nazionale e del Piano Sanitario Regionale della Calabria.
La Mission del Dipartimento Geriatrico Riabilitativo è di sviluppare percorsi d’eccellenza nelle attività che in esso si svolgono attraverso la collaborazione multi professionale, l’applicazione integrata delle tecnologie, l’impegno nella cultura medica e la formazione degli operatori, fornendo alla collettività idonee risposte in tema di prevenzione, diagnosi, presa in carico e cura delle malattie di interesse geriatrico. Le attività, l’organizzazione del Dipartimento sono mirate a raggiungere e garantire uno standard ottimale di offerta, per appropriatezza e qualità, delle attività clinico-assistenziali nonché di produzione Scientifica del POR di Cosenza. Tali affermazioni trovano riscontro nella pratica rispondendo pienamente ai principi di efficienza e condivisione, coinvolgendo tutti gli attori dei processi che costituiscono il “core” delle attività del Dipartimento e del POR. Il miglioramento del grado delle conoscenze nel settore geriatrico e dei processi ad esso collegati avviene attraverso percorsi diagnostici e terapeutici fondati sulla diagnostica per immagini, la diagnostica ematobiochimica e la clinica medica finalizzata all’approfondimento dei vari aspetti delle malattie e dei meccanismi fisiopatologici che sottendono le stesse, mirando all’affinamento dei processi di prevenzione, terapia e riabilitazione in ambito geriatrico e gerontologico. Gli obiettivi sono, dunque, finalizzati alla tutela della salute dei cittadini, nonché di supporto al S.S.R., con particolare riferimento ai campi d’intervento e di ricerca nel settore geriatrico. Il Dipartimento propone ed attua un sistema omogeneo e continuo di mantenimento ed adeguamento delle conoscenze tecnico-professionali e delle competenze necessarie all' implementazione delle linee strategiche aziendali, favorito dall’aggiornamento e la formazione del personale coinvolto nel ciclo assistenziale con la realizzazione, in sede, di corsi, incontri, scambi scientifici, anche al di fuori del sistema ECM ministeriale.
Particolare attenzione è rivolta all' informazione sanitaria, all'umanizzazione dell'assistenza, all'applicazione e verifica di sistemi (percorsi assistenziali), che contribuiscano a rendere omogenee le procedure organizzative ed assistenziali, alla valutazione e verifica della qualità con Eventi/Processi Formativi di Miglioramento Continuo della Qualità e di Risk Management dipartimentali e/o interdipartimentali. Il Dipartimento Geriatrico Riabilitativo del POR di Cosenza, struttura organizzativa di tipo misto finalizzata al miglioramento dell’efficacia, dell’efficienza e della qualità delle attività in essa svolte, mira al miglioramento globale degli indici di produttività e di contenimento delle spese con la piena valorizzazione delle Professionalità che operano nel Presidio.

Il Dipartimento è costituito dall’aggregazione delle seguenti UO assistenziali e di ricerca:

  • UOC Geriatria con degenza ordinaria e Area Stroke Unit
  • UOC Laboratorio Analisi
  • UOC Diagnostica per immagini
  • UOSD Laboratorio Farmacoepidemiologia
  • UOC Cardiologia con degenza ordinaria e Area UTIC
  • UOC Medicina del Dolore con Degenza Ordinaria e Day-Hospital
  • UOSD Riabilitazione Intensiva

  • Anestesia e Terapia del Dolore
  • Centro di Ricerca Gestione del Dolore Anziano
  • Radiologia


Le Unità Operative, per omogeneità, affinità e/o complementarità, perseguono comuni finalità, mantenendo la propria autonomia e responsabilità professionale all’ interno di un comune modello gestionale ed organizzativo, al fine di rendere agevoli i percorsi diagnostico-assistenziali, fornendo una risposta univoca, rapida e completa alla richiesta di prestazioni loro rivolta dai cittadini.
Il Dipartimento ha il compito di attuare la prevenzione, la diagnosi e la cura di varie patologie, gestibili in regime di ricovero ordinario, day hospital e in regime ambulatoriale, che interessano il settore geriatrico. Si garantiscono prestazioni di tipo specialistico e superspecialistico nella sezione di ricovero ordinario e di area intensiva, nel day hospital e nelle attività ambulatoriali anche ai fini della prevenzione e della ricerca. Il Dipartimento si caratterizza per la capacità di dare risposte mirate e tempestive nell’ambito della diagnostica e terapia della fase acuta, la stabilizzazione clinica di patologie croniche, il follow-up dei pazienti presi in carico, la prevenzione nell’ ambito delle patologie legate all’ invecchiamento, ponendo particolare attenzione ad un intervento mirato alla persona.
Nel Dipartimento le varie U.O., a diverso orientamento specialistico, tra loro sinergiche, svolgono attività per patologie internistiche/geriatriche con particolari competenze e per le malattie cardiocerebrovascolari in area intensiva e di degenza ordinaria. Nel rispetto della Mission dell’INRCA si sono create le condizioni di chiudere il cerchio delle offerte assistenziali alla popolazione di interesse geriatrico del territorio cosentino, dalla “prevenzione” alla riabilitazione. Tali risultati possono essere raggiunti inspirando le attività ad un aumento dell’efficienza e dell’appropriatezza, anche se si pienamente consci delle difficoltà che si incontreranno nel cammino anche alla luce della rimodulazione delle offerte delle prestazioni ospedaliere, sempre più orientate a fornire risposte diagnostiche-terapeutiche per problemi di salute caratterizzati da acuzie e gravità. Queste considerazioni devono tradursi, appunto, per come già richiamato, in una minimizzazione di accessi ospedalieri impropri e di esami diagnostici inappropriati.